Birra a fermentazione spontanea

Birra a fermentazione spontanea

Per ultima ma non meno importante, troviamo la fermentazione spontanea.

Completamente differente dalle altre due (birra a fermentazione alta e bassa), sfrutta batteri e lieviti che si trovano prevalentemente nell'aria (brettanomyces). Per far sì che batteri, lieviti e mosto si incontrino ed inizi così la fermentazione in maniera naturale, il mosto della birra viene messo in grandi vasche, poco profonde ma molto larghe in modo da incontrare più superficie possibile a contatto con l’aria.

Subito dopo il mosto viene pompato in botti di castagno o rovere e lasciato riposare. L'esposizione avviene comunque solo nei mesi freddi e la birra potrà già essere gustata nei mesi dell'estate seguente. Queste birre presentano normalmente gradi differenti di acidità, e di conseguenza ne nascono due stili differenti: Iris e Lambic, e relativi sotto-stili: Gueze, Faro, Framboise e Kriek. Queste birre, come vuole la tradizione, si estendono nel raggio di 30 km a sud ovest di Bruxelles.

Adesso potete porre più attenzione nella ricerca di una buona birra.

Saluti e alla salute!

Marco A.


Autore:

Autore

Marco Ambrassa

Editor del “Vizio” Birra

Leggi di più su Marco Ambrassa

Ti può interessare anche

Uva, mosto e non solo vino: il balsamico.

Uva, mosto e non solo vino: il'aceto balsamico. Un paio di anni fa ho avuto la fortuna di visitare un’acetaia in un piccolo paesino vicino a Maranello ...

Pisco Sour

Aperitivo fatto con un Pisco monovitigno Quebranta shakerato con albume d’uovo, lime, sciroppo di glucosio. Il tutto ultimato con una goccia di Angost ...

L'eccellenza delle nostre birre artigianali

Premio Cerevisia 2019 (Banab) per le birre artigianali: riconoscimento per 21 etichette provenienti da 12 regioni. Si è svolta a Roma nella suggestiva ...

Dove comprare i sigari a Cuba?

In vista dell’imminente arrivo delle vacanze, vorrei segnalare ai nostri amici viziosi, appassionati di sigari, questo interessante articolo ...

CERANO: Pecorino Terre Aquilane IGT - Italo Pietrantonj

La bottiglia con cui ci siamo veramente divertiti nella degustazione è di un Pecorino Abruzzese: CERANO dell’Antica casa Vitivinicola Italo Pietranto ...

Grappa: le primi dieci aziende aggregate valgono 211 milioni di euro

Grappa: il prodotto oggi considerato come più rappresentativo della distillazione Made in Italy. Le primi dieci aziende aggregate valgono 211 milioni ...

CONDIVIDI LA PAGINA!

TEMI TRATTATI

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO

Iscriviti qui
e ricorda che potrai cancellarti in ogni momento.