Le 6 Sorelle di Monaco

Le 6 Sorelle di Monaco

In questo periodo dell’anno è d’obbligo parlare dell’edizione 2018 dell’Oktoberfest, che rappresenta non solo il più famoso evento birrario in assoluto, ma anche la fiera più grande del mondo.

La festa è aperta solo a sei produttori di Monaco, le celebri Sei Sorelle che storicamente erano ammesse alla corte del Regno di Baviera. Il periodo è dunque perfetto per raccontare la storia di questi sei produttori, che ormai appartengono tutti al mondo della birra industriale. Tutti tranne uno, capace di mantenere la sua indipendenza fino a oggi.

AUGUSTINER è il più antico birrificio di Monaco: cominciò a operare nel 1328 all’interno di un monastero dell’ordine di Sant’Agostino fondato circa quaranta anni prima.

HOFBRÄUHAUS ll nome significa letteralmente “birrificio di corte” e non a caso il marchio è di proprietà del land della Baviera. È dunque un birrificio “pubblico”, che può avvalersi di un’immensa taverna situata proprio nel centro di Monaco

PAULANER è il più grande produttore di Monaco e nacque nel 1634 come birrificio di un monastero dell’ordine di San Paolo Primo Eremita.

HACKER-PSCHORR  I birrifici Hacker e Pschorr rimasero indipendenti fino al 1972, quando si fusero assumendo il nome attuale. Hacker-Pschorr è al momento una sorta di beer firm: non possiede un suo impianto di proprietà e le birre sono realizzate presso Paulaner.

LÖWENBRÄU Le prime testimonianze del “birrificio del leone” risalgono al 1383 e il nome deriva dall’originario brewpub Löwengrube situato al civico 17 dell’omonima strada di Monaco.

SPATEN Secondo i documenti un brewpub di nome Spaten era attivo a Monaco fin dal 1397, tuttavia possiamo affermare che la storia del marchio cominciò solo nel 1807, quando fu acquistato da Gabriel Sedlmayr. Il figlio, Sedlmayr II, fu uno dei più grandi birrai della storia.

Zur Gesundheit!

BpR

Tratto da: Cronache di birra


Autore:

Autore

Barbara Paola Ronco

CEO and Social Media Manager

Leggi di più su Barbara Paola Ronco

Ti può interessare anche

Uva, mosto e non solo vino: il balsamico.

Uva, mosto e non solo vino: il'aceto balsamico. Un paio di anni fa ho avuto la fortuna di visitare un’acetaia in un piccolo paesino vicino a Maranello ...

Pisco Sour

Aperitivo fatto con un Pisco monovitigno Quebranta shakerato con albume d’uovo, lime, sciroppo di glucosio. Il tutto ultimato con una goccia di Angost ...

L'eccellenza delle nostre birre artigianali

Premio Cerevisia 2019 (Banab) per le birre artigianali: riconoscimento per 21 etichette provenienti da 12 regioni. Si è svolta a Roma nella suggestiva ...

Dove comprare i sigari a Cuba?

In vista dell’imminente arrivo delle vacanze, vorrei segnalare ai nostri amici viziosi, appassionati di sigari, questo interessante articolo ...

CERANO: Pecorino Terre Aquilane IGT - Italo Pietrantonj

La bottiglia con cui ci siamo veramente divertiti nella degustazione è di un Pecorino Abruzzese: CERANO dell’Antica casa Vitivinicola Italo Pietranto ...

Grappa: le primi dieci aziende aggregate valgono 211 milioni di euro

Grappa: il prodotto oggi considerato come più rappresentativo della distillazione Made in Italy. Le primi dieci aziende aggregate valgono 211 milioni ...

CONDIVIDI LA PAGINA!

TEMI TRATTATI

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO

Iscriviti qui
e ricorda che potrai cancellarti in ogni momento.